Dopo di Noi

Legality Day 2017
5 maggio 2017
Guida Scientifica
12 luglio 2017

Legge sul Dopo di Noi

si apre la fase di applicazione concreta della legge sul dopo di noi nei singoli territori del nostro paese
famiglia-disabile

A che punto Siamo?


Il Melograno segue con estrema attenzione l’evoluzione della legge 112/16 del 14.06.2016 definita “Legge sul Dopo di Noi”, che finalmente traccia un processo concreto di deistituzionalizzazione aprendo una nuova prospettiva esistenziale per le persone con disabilità e per i loro familiari. Senza entrare nei tecnicismi legislativi è bene sapere che la Legge 112/16 (in vigore dal 25.06.2016), prevede che le Regioni debbano approvare – con decreti – i Piani Regionali Attuativi per la destinazione dei fondi (alla Regione Lazio sono stati già stanziati 9 Ml. per il 2016).

Il secondo aspetto da tenere in considerazione è la novità assoluta rispetto al precedente impianto legislativo della L. 104/92, infatti ora il legislatore riconosce l’individuo quale parte fondamentale per l’assegnazione dei budget a disposizione dei “Progetti individuali”. Un aspetto per la piena attuazione della legge sul dopo di noi riguarda il rendere le persone con disabilità, le famiglie e chi è vicino alle stesse consapevoli dei nuovi strumenti e delle nuove possibilità. Questo cambiamento non può esserci se le persone con disabilità con il supporto ed il sostegno della famiglia o di chi le protegge giuridicamente (tutore, curatore, amministratore di sostegno) non chiedono il progetto individuale e se non si crede al protagonismo della persona con disabilità.
Occorre anche rendere informate le famiglie su come essere co-protagonisti nella costruzione del progetto di vita, lasciando loro anche la possibilità di partecipare alla costruzione di tutto ciò con le loro risorse, mettendo, ad esempio, a disposizione proprio la casa di abitazione dove la persona con disabilità continuerà a vivere o facendo un trust.

Occorre, quindi, una campagna informativa che si rivolga alle persone con disabilità ed alle loro famiglie e dica loro “Sai che hai diritto a un progetto individuale? A un budget di progetto? Sai che la persona con disabilità insieme al tuo supporto e sostegno ha diritto a progettare il suo futuro?”. Molte famiglie possono non avere la capacità di costruire da sole questo percorso, specie quello di prevedere un modello dell’abitare in autonomia e per questo devono sapere che possono anche collaborare con altre famiglie o ricorrere all’esperienza di organizzazioni del Terzo settore.

Le stesse Regioni ed enti locali devono essere consapevoli delle opportunità di tale legge, visto che, anche loro, come le famiglie e gli enti del Terzo settore, possono co-finanziare gli interventi sostenuti sul loro territorio con le risorse del Fondo per valorizzarle e dar vita ad un nuovo “welfare generativo”. Per vincere la sfida bisogna unire tutti: Regioni, Comuni, famiglie, associazioni, fondazioni ed enti privati.
cover

APPROVATE LE LINEE GUIDA REGIONALI SUL "DOPO DI NOI

La Giunta Zingaretti ha approvato il Piano regionale sul "Dopo di noi". Con questa delibera la Regione Lazio fissa le modalità operative di attuazione della legge 112/2016 sull'assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare e ripartisce agli ambiti territoriali le risorse del nuovo Fondo nazionale per il "Dopo di noi" trasferite al Lazio, che ammontano a 9,1 milioni di euro.

DGR 454

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *